UNITI NELLA SOLIDARIETÀ SOTTO IL SEGNO DEL CALCIO

UNITI NELLA SOLIDARIETÀ SOTTO IL SEGNO DEL CALCIO

A cosa pensiamo quando pronunciamo o sentiamo nominare la parola “calcio”? Beh, ovviamente al popolarissimo sport. C'è chi lo vede come un modo per “sfogare” la propria creatività, chi come un normale passatempo, chi ancora come “22 sciocchi che corrono dietro ad una palla”, e così via. Ma se ci fermassimo un attimo a riflettere, noteremmo che una qualsiasi tifoseria (non solo di calcio, ma di ogni sport) è composta da persone che hanno ideali, etnia, religione, orientamento sessuale, situazione economica, e varie altre cose diverse, ma sono accomunate da un solo scopo: dare tutto per la propria squadra. Durante una partita, semplicemente, tutti insieme crediamo nella vittoria dei nostri beniamini, gioiamo e piangiamo insieme, come fratelli e sorelle. Questo è il vero valore dello sport, l'essere uniti sotto un'unica bandiera. Non c'è spazio per chi predica odio e violenza, per chi non ha compreso il vero significato degli eventi sportivi, agonistici e non.

Noi studenti del Masullo-Theti, abbiamo avuto l'opportunità di comprendere e mettere in atto tali valori durante una giornata speciale. Infatti, in occasione della settimana dello studente, venerdì 21 dicembre 2018, le classi dell'intero Istituto si sono recate allo stadio “Sporting Club” di Nola per assistere ad una partita di calcio amichevole tra professori ed alunni del settore economico (in maglia blu) contro il settore tecnologico (in divisa bianca). La durata di ciascun tempo è stata di 30 minuti. Il fine dell'incontro è stato quello di finanziare una raccolta fondi a sostegno delle famiglie locali che vivono in condizioni di disagio.

Prima dell'inizio del match, si è assistito ad un balletto a cui hanno preso parte le alunne di diverse classi: De Rosa Francesca Pia, Grieco Fiorella, Onofrietti Emanuela, Forte Anna, Della Pietra Carmela, Scala Nancy (2^C Afm); Mautone Gemma (1^A Ls); Trinchese Concetta, Notaro Mariantonietta, Esposito Carmen (1^A Bio); Bove Raffaella (3^A Rim). Un'esibizione ben preparata e piacevole da guardare.

Alla Dirigente scolastica, prof.ssa Anna Maria Silvestro, è spettato l'onore di battere il calcio d'inizio. La partita è stata abbastanza interessante, e si sono intraviste anche buone trame di gioco. Il settore economico ha giocato una buona partita, quello tecnologico, che non ha nemmeno giocato male, ha sofferto la mancanza di organizzazione, soprattutto in fase offensiva. Non a caso, i blu sono passati in vantaggio dopo pochi minuti grazie ad un calcio di rigore. Dopo il gol hanno mantenuto “il pallino del gioco” limitando gli attacchi avversari. In questo modo è trascorso tutto il primo tempo.

Durante l'intervallo, si sono esibite di nuovo le ragazze del balletto, dimostrando anche stavolta di avere un bel talento. Tornati in campo, i ragazzi del settore economico hanno spinto subito forte sull'acceleratore ottenendo e trasformando un secondo calcio di rigore. La partita sembrava chiusa, ma quasi subito il settore tecnologico ha accorciato le distanze con un gol meraviglioso. Anche nel secondo tempo i blu hanno mantenuto l'inerzia del gioco, sfiorando più volte il terzo gol. La partita, alla fine, è stata vinta dalla squadra del settore economico per 2-1, ma i veri vincitori della manifestazione sono stati gli spettatori, dimostratisi molto caldi e rispettosi, e che, con i vari cori, hanno reso l'atmosfera uno spettacolo bellissimo.

Al termine della partita, Francesco Sangermano della 5^D Afm, ha cantato una canzone per il pubblico, dando prova della sua bravura. E, “dulcis in fundo”, c’è stata la premiazione della squadra vincitrice.

Sicuramente un’esperienza emozionante, da ripetere.

Elia Falco V A Tel